Anteprime Kum Docenti

Il progetto rientra nel più ampio novero del percorso “la Scuola In-vita”, che consiste in una serie di incontri specifici curati dall'Associazione Jonas Onlus in collaborazione con il KUM! Festival diretto da Massimo Recalcati. Tre date aperte a tutti con grandi esperti nazionali individuati dalla D.ssa Monica Carestia e da Recalcati. Il primo appuntamento  di martedì 19 marzo sarà un seminario con la saggista Benedetta Tobagi, il secondo un incontro con lo psicanalista Aldo Becce, in programma lunedì 15 aprile, infine la lectio del filosofo Simone Regazzoni, alla Mole di Ancona il 7 maggio.

Obiettivi


Il primo appuntamento delle Anteprime Scuole di KUM! Festival presso l’Istituto Istruzione Superiore Einstein Nebbia di Loreto, martedì 19 marzo, ha come obiettivo quello di individuare le modalità più efficaci per avvicinare gli studenti alla riflessione politica. Il secondo appuntamento delle Anteprime Scuole intende far riflettere i docenti sulla figura dell’insegnante come un argine, forse l’ultimo argine, al Grande Nulla che avanza minaccioso. Il terzo e ultimo appuntamento che si terrà presso la Mole Vanvitelliana di Ancona ha come obiettivo quello di riflettere sull’atto fondativo della filosofia (la “torsione dell’anima su se stessa”) descritta da Platone nel mito della caverna per mostrare come nella filosofia sia sempre in gioco non una qualche forma di sapere, ma la vita.

Programma


19 marzo 2019, ore 15:00

IIS Nebbia – Loreto (AN)

Esplorare le contraddizioni | Con Bendetta Tobagi
L’appuntamento “Esplorare le contraddizioni” con Benedetta Tobagi svilupperà una riflessione che deve fare i conti con le contraddizioni del passato e quelle del presente. Esplorare queste contraddizioni significa accompagnare gli studenti incontro alla complessità del mondo con l’unico strumento disponibile: una bussola etica. La modalità scelta è quella del seminario. Sono infatti gli stessi docenti a dare forma al percorso esplorativo, perché proprio a loro spetta cucirlo sul corpo vivo degli studenti.

15 aprile 2019, ore 15:00
IIS Podesti Calzecchi Onesti – Ancona

Prendersi cura di chi cura | Con Aldo Becce
Il professor Becce parte dalla metafora che scorre tra le righe del romanzo “La Storia Infinita” di Michael Ende, il quale chiede ai lettori di attingere all’enorme bacino di energia sprigionata dall’immaginazione e dalla fantasia, capace di abbattere ogni barriera e di creare ponti per “sconfiggere il Nulla”. I docenti sono quindi chiamati a stimolare i giovani studenti all’immaginazione, alla fantasia e all’originalità, ma per far questo l'insegnante ha bisogno di una “cura particolare” che gli permetta di tenere insieme Legge e Desiderio.L’appuntamento con il professor Becce parte quindi da un interrogativo: di quale “cura particolare” ha bisogno l’insegnante per fronteggiare il Nulla che pervade la realtà che ci circonda?


7 maggio 2019, h 15:00

Mole Vanvitelliana (AN)

Filosofia come esercizio, cura di sé e arte della vita | Con Simone Regazzoni
Kant ricordava che “non si deve sempre speculare, bisogna una buona volta passare all’esercizio”. Queste parole possono suonare strane solo all’orecchio di un contemporaneo che concepisca la filosofia come mero discorso accademico, come puro linguaggio astratto e tecnico senza relazione alcuna con la nostra vita. In verità la filosofia, fin dalla sua origine greca, è un modo di vivere che coinvolge interamente il soggetto, mettendolo costantemente alla prova.In un mondo in cui sempre più la nostra vita sembra consumarsi in balia di forze esterne, ritrovare il nesso tra filosofia e vita significa riscoprire la dimensione originaria della filosofia come cura di sé, come esercizio quotidiano in cui il soggetto plasma se stesso. Filosofi come Hadot e Foucault nel corso del Novecento hanno ribadito con forza questa tesi. Ed è in questa cornice di rinnovata attenzione alla filosofia come askesis, “allenamento”, che la questione di come ridare senso e valore alla vita diventa la questione di come il soggetto può diventare padrone di sé, del proprio tempo, delle proprie scelte. Riportando la filosofia a questa sua originaria dimensione di “allenamento” alla vita è possibile avvicinare i giovani a un sapere che, nella sua dimensione meramente storico-filosofica, può apparire distante, incomprensibile, inutile.


Per iscriversi tramite la piattaforma Miur Sofia: CODICE 28217




Per Informazioni | Divisione Formazione Kum!Festival

formazione@kumfestival.it

Coming Soon Page KUM! Festival


We are checking your data