KUM! Festival
2021

Polygon_Blu.svg
VENERDÌ

15

OTTOBRE
h. 11:00 | Auditorium

INAUGURAZIONE KUM! 2021

Valeria Mancinelli
Sindaco di Ancona
Paolo Marasca
Assessore alla Cultura di Ancona
Massimo Recalcati
Direttore scientifico KUM!
Federico Leoni
Coordinatore scientifico KUM!
h. 11:30 | Auditorium
CANTIERE ISTITUZIONI

LE ISTITUZIONI TRA STORIA E VITA

Roberto Esposito

SCOPRI DI PIÙ

Le istituzioni sono in crisi. Le istituzioni nascono, vivono, muoiono. Muoiono quando vengono meno le condizioni che le hanno fatte nascere e vivere. Per questo è necessario un nuovo pensiero delle istituzioni. Per questo è necessario un nuovo pensiero del legame. E un pensiero del legame di tutti i legami, il legame tra vita e istituzioni.

h. 12:30 | Magazzino Tabacchi
CANTIERE ANTROPOCENE

RIPARTIAMO DALL'AMBIENTE

Rossella Muroni

SCOPRI DI PIÙ

Non dobbiamo sperare di tornare alla normalità, perché proprio quella era il problema con il suo modello di sviluppo estrattivo e l’attacco alla biodiversità. Ripartire dall’ambiente è l’occasione migliore che abbiamo per difenderci da nuove pandemie. Costruire una società più giusta e coesa e un’economia in equilibrio con il Pianeta è l’unica alternativa alla crisi climatica in atto. Ed è la strada che ci indica l’Europa con NextGenerationEU.

h. 14:00 | Sala delle Polveri
CANTIERE ISTITUZIONI

INDIVIDUAZIONE, COINDIVIDUAZIONE, TRANSINDIVIDUALITÀ. IL POTERE ISTITUENTE DELLA INTERINDIPENDENZA

Chiara Giaccardi

SCOPRI DI PIÙ

Libertà e legame. La crisi pandemica ha illuminato di nuova luce questo nodo paradossale. Identità personali e collettive. È anche nella sfera del digitale che il tessuto sociale si costruisce e ricostruisce. Sono queste quattro stelle polari a orientare ogni domanda su come rendere nuovamente possibile il nostro vivere insieme in un mondo così profondamente cambiato.

h. 15:30 | Magazzino Tabacchi
CANTIERE ECONOMIA

L’UOMO È ANTIQUATO? UNA VECCHIA DOMANDA AL TEMPO DELLA SOSTENIBILITÀ E DELLA DIGITALIZZAZIONE

Mauro Magatti

SCOPRI DI PIÙ

L’uomo è antiquato, denunciava Günther Anders cinquant’anni fa. Eravamo solo all’inizio di una profonda trasformazione antropologica. Oggi sostenibilità e digitalizzazione sono i due driver fondamentali del rilancio economico. Due driver che possono aprire alla speranza come al futuro più distopico. A meno di non tornare a scommettere sull’idea più antiquata. La libertà umana.

h. 16:00 | Auditorium
CANTIERE POLITICA

ASSEMBRARE, COSTRUIRE, RICOSTRUIRE

Luigi Manconi

SCOPRI DI PIÙ

Il primato del web ha reso più acuta la crisi del legame sociale. I rapporti virtuali hanno finito per prevalere su quelli reali. La pandemia è precipitata con forza devastante su questo tessuto già sfilacciato. Ma ha anche mostrato l’intimo legame, l’intima dipendenza di ciascuno da ciascuno. È da questo legame che dobbiamo ripartire per pensare la politica?

h. 18:00 | Magazzino Tabacchi
CANTIERE ECONOMIA

PER UN’ECONOMIA E UNA FINANZA GENERATIVA

Giovanna Melandri

SCOPRI DI PIÙ

La pandemia non è una parentesi che possiamo superare tornando ai vecchi meccanismi di estrazione del valore. È urgente chiedersi come generare valore invece che estrarlo dalla natura, dallo sfruttamento, dalla speculazione. È urgente riformare il capitalismo, e questa sfida interpella tutti, amministrazioni dello Stato e operatori del mercato, imprese e non profit. È la sfida che ci richiede di costruire un modello economico generativo di valore ed impatto sociale. È la sfida della Impact Economy

h. 18:30 | Sala delle Polveri
CANTIERE GENERAZIONI

NASCERE DI NUOVO. PROFEZIA E ANARCHIA DELLE GENERAZIONI

Isabella Guanzini

SCOPRI DI PIÙ

La Bibbia è il testo delle generazioni. Mette in scena la fede nella possibilità di generare il nuovo. Racconta di padri e figlie, madri e figli, di benedizioni e maledizioni che si susseguono secondo un ritmo imprevedibile e persino anarchico. Come una continua rottura delle acque. Promessa di nuova vita al di là di ogni trauma.

h. 21:30 | Auditorium
CANTIERE SANITÀ

LA SALUTE, BENE DI TUTTI E DI CIASCUNO

Veronica Gentili
Massimiliano Valerii
Alessandro Vespignani

Modera: Margherita Rinaldi
SCOPRI DI PIÙ

L’evento globale della pandemia ha imposto la necessità di pensare oltre i sistemi locali e i confini nazionali. Si è imposto un nuovo paradigma fatto di reti, complessità, interconnessioni. La salute stessa richiede di essere ripensata in questa luce. Mai come oggi il male comune rivela che anche il bene è comune o non è, anche la vita è comune o non è.

KUM! Festival
2021

Polygon_Blu.svg
SABATO

16

OTTOBRE
h. 9:00 | Auditorium
CANTIERE GENERAZIONI

LA GENERAZIONE-COVID.
UN’ESPERIENZA DI ASCOLTO PSICOANALITICO

Uberto Zuccardi Merli

In collaborazione con Ordine Psicologi Marche

Incontro introdotto dal saluto della Presidente Dott.ssa Katia Marilungo

SCOPRI DI PIÙ

I ragazzi che hanno vissuto un lungo tratto della loro infanzia o adolescenza durante la pandemia hanno testimoniato qualcosa di inaudito. Che tracce resteranno nella loro memoria? Come hanno vissuto nel chiuso delle loro stanze? Che cosa ci hanno detto del presente e del futuro? Che cosa si attendono dalla società e dal potere? Questa lunga crisi insegnerà loro qualcosa sulla natura dei legami e dei desideri o resterà un trauma insensato?

h. 10:00 | Sala delle Polveri
CANTIERE ANTROPOCENE

SOSPENSIONI. CHE COSA CI INSEGNA L’OCEANIA SULL’ANTROPOCENE

Adriano Favole

SCOPRI DI PIÙ

Crescita, espansione, progresso sono aspirazioni di ogni società? O sono miti della modernità occidentale? Porre dei limiti alla produzione è una bizzarria da primitivi? O è il primo passo per tornare a guardare al futuro? L’Oceania, l’Europa d’Oltremare, il mondo dei Nativi Americani ci offrono una lezione inattesa su come la sospensione delle attività produttive consenta, talvolta, di riaprire l’orizzonte del tempo.

h. 11:00 | Magazzino Tabacchi
CANTIERE GENERAZIONI

CADERE, ALZARSI. LA LEZIONE DELL’INFANZIA

Aldo Becce

SCOPRI DI PIÙ

E se fosse l’infanzia a insegnarci come ripartire? A mostrare come ci si rialza? Se nel mezzo del cammin di nostra vita ci siamo ritrovati in una selva oscura, se ogni via conosciuta si rivela ormai impraticabile, forse è un piccolo Virgilio a poterci indicare la strada. Quel piccolo Virgilio che tutti siamo stati.

h. 12:00 | Auditorium
CANTIERE ANTROPOCENE

IL DHARMA IN AZIONE, PER RICOSTRUIRE

Monica Colli
Silvia Francescon
Caterina Giavotto

Modera: Giovanna Giorgetti
A cura di Unione Buddhista Italiana
SCOPRI DI PIÙ

L’Unione Buddhista Italiana ha raccolto professionisti appartenenti ad aree nevralgiche del paese. E ha chiesto loro di immaginare insieme il futuro dell’ambiente, dell’educazione, della società, della cura. Monica Colli, Silvia Francescon e Caterina Giavotto ci raccontano come i valori di un Buddhismo moderno possono indicarci la strada della ripartenza.

h. 12:30 | Sala delle Polveri
EVENTO SPECIALE

TERRASACRA. L’ENIGMA DI CIÒ CHE RESTA

Flavio Arensi
Federico Leoni
Marta Mazza

Modera: Sabrina Rappoli
SCOPRI DI PIÙ

“Terrasacra” è il titolo della mostra che la Mole Vanvitelliana ospiterà da novembre 2021. La guida una certa necessità di lavorare su ciò che resta, sulle tracce del passato, sulle rimanenze di altre epoche, culture, esistenze individuali e collettive. E su ciò che non resta, su ciò che le macerie non restituiranno, su ciò che i documenti sembreranno conservare, ma sembreranno soltanto. Che cosa fare di ciò che resta e sopravvive? E che cosa fare se non tutto resta, non tutto sopravvive?

h. 14:30 | Magazzino Tabacchi
CANTIERE POLITICA

IL DIRITTO AL FUTURO

Laura Boella

A cura di AnconAmbiente

SCOPRI DI PIÙ

Ci è stato rubato il futuro. È la denuncia che le giovani generazioni non smettono di ripetere. Ma la politica vive sul breve termine e gestisce il presente. Quanto al futuro, si limita alle raccomandazioni. Fate attenzione al clima, alla deforestastazione, all’inquinamento. Il grande salto consisterà nel pensare al futuro non come all’oggetto di generici ammonimenti, ma come a un diritto. Un diritto la cui attuazione è attentamente progettata e verificata passo dopo passo. Come quella di ogni diritto.

h. 15:30 | Auditorium
EVENTO SPECIALE

RIPENSARE IL CIBO

Pietro Leemann
Simone Salvini

Modera: Angelo Serri
A cura di Alce Nero
SCOPRI DI PIÙ

Dialogo con due maestri della cucina vegetale per conoscere e riconoscere che quello che fa bene alle persone fa bene anche al pianeta. Pietro Leeman e Simone Salvini intervistati da Angelo Serri.

h. 16:00 | MicaMole!
EVENTO SPECIALE: L’ORIGINE DELLA VITA

PRESENTAZIONE COLLANA MELANGOLO - KUM!
VOL III/ L'ORIGINE DELLA VITA

Mariela Castrillejo
Mario Cucca

Coordina Simone Regazzoni
h. 17:00 | Sala delle Polveri
CANTIERE SANITÀ

LE PAROLE CHIAVE DELLA RIPARTENZA: L'ANGOSCIA, LA LEGGEREZZA E LA RESPONSABILITÀ

Laura Campanello
Giorgia Cannizzaro
Michele Rugo

A cura di Fondazione Seragnoli
SCOPRI DI PIÙ

Tre parole chiave della ripartenza, nei percorsi di cura come nella vita di tutti i giorni. Angoscia, perché l'angoscia, paradossalmente, può accompagnare anche la vita che rinasce. Responsabilità, perché ogni nostro gesto influisce sulla vita degli altri, come la pandemia ci ha ricordato drasticamente. Leggerezza, perché la vita che sa accettare la fragilità sa dare il giusto peso alle cose e sa liberarsi di molti fantasmi che lottano contro la vita.

h. 18:30 | Auditorium
CANTIERE PSICOPATOLOGIA POST-COVID

ANGOSCIA POST-COVID?

Massimo Recalcati

SCOPRI DI PIÙ

L’epidemia ha fatto emergere sofferenze diffuse: depressioni, attacchi di panico, somatizzazioni, disturbi alimentari, comportamenti autolesivi ecc. Cosa accadrà adesso? Quali effetti postraumatici dovremo attenderci? Come contrastare un’angoscia collettiva di fronte a un avvenire incerto.

h. 21:30 | Auditorium
CANTIERE POLITICA

RICORDARE E IMMAGINARE

Pierfrancesco Majorino

SCOPRI DI PIÙ

Ripartire vuol dire non dimenticare. Non dimenticare i lutti, i camion carichi di vittime, le sirene delle ambulanze, i volti stremati degli operatori sanitari. Ricordare le omissioni, gli errori del sistema sanitario, la sciagurata dismissione della medicina territoriale. Rimettere al centro la costituzione, soprattutto certi suoi valori trascurati. Saper essere esigenti. Immaginare.

KUM! Festival
2021

Polygon_Blu.svg
DOMENICA

17

OTTOBRE
h. 09:30 | Magazzino Tabacchi
EVENTO SPECIALE

JEAN-LUC NANCY: COMUNITÀ CORPO SESSO  

Francesca Romana Recchia Luciani 

SCOPRI DI PIÙ

Con la recente scomparsa di Jean-Luc Nancy, protagonista di un percorso teoretico unico nella filosofia contemporanea, questa resta definitivamente orfana dei padri fondatori di quell’attitudine alla decostruzione che Nancy ha condiviso soprattutto con Lacoue-Labarthe e Derrida. Il suo pensiero “sagittale” ha considerato come proprio orizzonte di senso una co-ontologia che fonda la comunità sull’esistenza “singolare plurale” e relazionale degli umani, individuando il tatto come il senso proprio dell’“in-comune”. Nell’epoca della pandemia globale potente è la risonanza di tale nucleo ontologico del pensiero di Nancy che da Comunità inoperosa, passando per Corpus, fino a Sessistenza, pensa la comunità come l’“essere-con” di corpi in relazione, la corporeità come rapporto tra corpi altri/altrui e il sesso come agire interconnettivo e trasformativo.

h. 10:00 | MicaMole!
EVENTO SPECIALE: LA CURA

PRESENTAZIONE COLLANA MELANGOLO - KUM! VOL IV/ LA CURA

Ingrid Paoletti
Luigina Mortari

Coordina Simone Regazzoni
h. 10:00 | Sala delle Polveri
CANTIERE IL VACCINO DELLA CULTURA

I NUMERI E LE PERSONE

Stefano Baia Curioni

SCOPRI DI PIÙ

Quali sfide, dopo la pandemia e alla luce della pandemia, si pongono nell’ambito della gestione del nostro patrimonio culturale? Quali sfide, in particolare, per quanto riguarda lo sviluppo della cultura e dell’educazione alla cultura? Una riflessione ancorata ad alcuni grandi paradigmi ma anche all’esame di casi particolari ed esperienze concrete.

h. 11:00 | Auditorium
CANTIERE IL VACCINO DELLA CULTURA

SPORCARSI LE MANI. LA (RI)PARTENZA PER CHI FA L'ARTE

Edoardo Tresoldi
Paolo Marasca
Marta Cuscunà

Modera Anna Stefi
SCOPRI DI PIÙ

Dal colpo durissimo che arte e spettacolo hanno subito con la pandemia, emerge la visione di chi, nella pratica, si confronta quotidianamente con il "fare arte". Un giovane artista e una giovane drammaturga, entrambi di fama internazionale, una filosofa e psicologa, vicedirettore di Doppiozero, impegnata nel lavoro sulla scuola, e un amministratore locale, parlano di burocrazia, ruolo della cultura, nuovi scenari e possibilità concrete, oltre le sovrastrutture che improvvisamente sono tutte messe in discussione.

h. 12:30 | Sala delle Polveri
CANTIERE IL VACCINO DELLA CULTURA

VERI E FALSI MOVIMENTI. RICOMINCIARE DOPO LA CRISI

Rocco Ronchi

SCOPRI DI PIÙ

Kafka ha raccontato quanto sia difficile, persino per il messaggero dell’imperatore, mettersi in cammino e raggiungere la meta. Su ogni nostra azione grava il rischio della paralisi, lo spettro del circolo vizioso. Come distinguere vero e falso movimento, vera e falsa metamorfosi? Come reinventare la vita quotidiana dopo la pandemia? Come evitare la trappola della semplice ricostruzione e dar vita al nuovo?

h. 13:00 | Magazzino Tabacchi
CANTIERE IL VACCINO DELLA CULTURA

LE LOUVRE DANS LA RUE

Cyrille Gouyette
Andrea Socrati

SCOPRI DI PIÙ

L’arte occupa un posto decisivo nelle nostre società democratiche. Ma i musei sono chiusi o lo sono stati per mesi. Un cambio di paradigma si impone. Dobbiamo riportare l’arte per le strade. L’arte urbana gioca un ruolo fondamentale per la rinascita delle nostre città. Politica, poetica, umoristica, l’arte urbana sa sempre come reincantare gli spazi della nostra vita comune.

h. 14:30 | Auditorium
CANTIERE SCUOLA

LA SCUOLA COME LABORATORIO DI UMANITÀ

Luigina Mortari

SCOPRI DI PIÙ

La scuola è da sempre laboratorio di cultura. Cicerone parlava di “cultura animi”: cultura è coltura della cittadinanza. Una scuola di cultura coltiva le direzioni essenziali dell’esserci per promuovere la piena attualizzazione delle potenzialità di ciascuno al fine di garantire una aristocrazia diffusa del pensare e dell’agire.

h. 15.30 | Sala delle Polveri
CANTIERE PSICOPATOLOGIA POST-COVID

ABITARE LA VULNERABILITÀ.
UNO SGUARDO SUL PATHOS
DEL NOSTRO TEMPO

Ana Hounie

SCOPRI DI PIÙ

In quello spazio che chiamiamo clinico ascoltiamo storie che parlano di dolore e desiderio, vita e morte, odio e amore. La pandemia ha ridisegnato quelle storie, ha riportato in primo piano domande appiattite dalle troppe risposte prefabbricate. Ha consentito di ascoltare forme inedite di resistenza all'appiattimento, alla quantificazione, all'indifferenza. Ci ha mostrato in una luce nuova i sottili dettagli attraverso cui prende piede la spinta alla vita.

h. 17:30 | Magazzino Tabacchi
CANTIERE ANTROPOLOGIA POST TRAUMA

METAFISICA DEI VACCINI

Federico Leoni

SCOPRI DI PIÙ

L’immediato futuro, ci dicono, non promette la scomparsa del virus ma la convivenza col virus. Più o meno lunga, via via più gestibile, anche grazie ai vaccini. Ma che cosa significa salute, se non significa più scomparsa della malattia? E Che cosa significa fabbricare un vaccino, se non diventare parassiti dei nostri parassiti? Che sia questa la mutazione antropologica che la pandemia ci ha imposto, e che ora ci traghetta al di là della pandemia?

h. 18:00 | Sala delle Polveri
CANTIERE IL VACCINO DELLA CULTURA

LA MEMORIA È IL SOGNO DEL FUTURO

Marco Magnifico

SCOPRI DI PIÙ

Il Fai protegge e valorizza da quarant’anni un vastissimo patrimonio fatto di arte, storia, paesaggio. Si occupa di custodire la memoria, diffondere la consapevolezza delle nostre radici, coltivare la sensibilità di tutti noi per la storia artistica e culturale del nostro Paese. Perché la memoria non serve a ricordare il passato ma a sognare insieme il futuro.

h. 19:00 | Auditorium
CANTIERE SCUOLA

RIAPRIRE LA SCUOLA

Massimo Recalcati

SCOPRI DI PIÙ

L’esperienza del Covid-19 ha traumatizzato la nostra scuola. La sua esistenza è rimasta in bilico tra chiusure e aperture disordinatamente. L’impossibilità della didattica in presenza ha imposto quella a distanza, la vita pulsante di una comunità si è azzerata di colpo. Da dove ricominciare? Con quali priorità? Con quale desiderio?