Il filosofo genovese parte dall’atto fondativo della filosofia descritta da Platone nel mito della caverna, per mostrare come nella filosofia sia sempre in gioco non una qualche forma di sapere, ma la vita.