Cristina Campo: rinascere in figure

Cristina Campo: rinascere in figure

sabato 20 ottobre, h. 19:00 nel Magazzino Tabacchi
LETTURE
Cristina Campo: rinascere in figure
Federico Ferrari legge Cristina Campo

Cristina Campo è stata una delle più grandi saggiste del Novecento italiano. Schiva nella vita, parca nella scrittura ebbe una fede assoluta nella parola poetica, nella sua potenza e nella sua capacità di dare una forma all’esistente e all’esistenza. Detto altrimenti, diede alla parola una funzione redentrice e creatrice, attribuendole una possibilità di verità e di rinascita. La lettura si incentrerà su un breve saggio (“Attenzione e poesia”) contenuto nella raccolta Gli imperdonabili. Partendo dall’esergo, tratto dal Vangelo secondo Filippo (“La verità non può venire al mondo nuda anzi è venuta nei simboli e nelle figure. C’è una rinascita, e c’è una rinascita in figure. In verità essi dovranno rinascere in grazia della figura”), ci si concentrerà su alcune parole chiave: attesa, attenzione, immaginazione, figura, inesprimibile, liturgia. Nel finale, se possibile, si vorrebbe anche spendere qualche parola su un’opera pittorica recente di Nicola Samorì, quasi a commento in figura di quanto espresso in precedenza.

Iscriviti alla newsletter